martedì 17 marzo 2009

....Mah, chi sarà mai?....

Ciao a tutti!

Bene, anche oggi c'è un compleanno, e anche oggi vi darò qualche indizio.... vediamo quanti ve ne servono!....

Oggi però sarà un po' diverso, torniamo indietro di parecchi anni, ci stacchiamo per un momento dal rock, ma diciamo che il rock deve molto anche a questo grande artista....

Cominciamo con gli indizi!

1. Il suo vero nome è Nathaniel Adams (il cognome non ve lo dico.... :P)
2. Nasce il 17 marzo 1919 a Mntgomery, in Alabama
3. Quando era ancora bambino si trasferì con il padre e la madre a Chicago, dove il padre divenne ministro e la madre organista della chiesa (fu lei a insegnare al piccolo Nathaniel a suonare il piano)
4. Crescendo divenne uno dei più grandi pianisti e cantanti jazz e blues del secolo

....Si è accesa qualche lampadina?.... Va bè dai, ancora qualche suggerimento....

5. Dopo aver inciso il suo primo disco insieme al fratello Eddie, fu anche pianista in Shuffle Along, la rivista della stella di Broadway Eubie Blaker, e prese parte ad un tour nazionale dedicato al revival del ragtime. Giunto in California, decise di fermarsi lì.
6. Alla fine degli anni 30 si sposò, e si trasferì a Los Angeles, dove fondo, insieme a Oscar Moore e Wesley Prince, un famoso trio che portava il suo nome
7. Il suo modo di suonare e di cantare (per quanto lui si vergognasse della propria voce) portarono un netto cambiamento nell'ambiente del jazz e della musica nera, e il suo stile venne imitato da molti grandi, uno su tutti l'indimenticato Ray Charles
8. Divenne famoso quando nel 1940 incise "Sweet Loraine"

....Ancora nulla?.... Dai dai dai!....

9. Nel 1956 fu attaccato sul palco a Birmingham (Alabama) da membri del White Citizens' Council che sembrava volessero rapirlo. Nonostante le ferite riportate, terminò lo spettacolo e giurò di non tornare mai più ad esibirsi nel sud degli Stati Uniti
10. Il suo primo vero grande successo come cantante fu "Straighten Up and Fly Right", basato su una vecchia favola popolare nella comunità nera che suo padre usò come spunto per un sermone. Benché non fosse propriamente assimilabile al rock, il successo della canzone dimostrò che esisteva un pubblico che seguiva musica derivata dalla tradizione folk. È considerata una sorta di canzone antesignana dei primi dischi di rock and roll. E infatti Bo Diddley, che fece analoghi adattamenti di canzoni folk, lo menziona tra gli artisti che lo hanno influenzato.
11. Morì di cancro al polmone nel 1965

....Allora, avete capito di chi si parla?.... No??? Bè, allora ve lo dico io.... Del grandissimo NAT KING COLE! Auguri!!!!!!!!!!!



Ciao Nat.... Il rock ti deve molto....

3 commenti:

Massi ha detto...

Grande voce,e grandi canzoni,ciao Nat

Fed ha detto...

Stavolta l'ho indovinato alla 7 :)

lozirion ha detto...

@Massi: Già.... Un pezzo di storia.... :)

@Fed: E brava la nostra Fed! Come si dice? Quando il gioco si fa duro.... ;)