giovedì 19 aprile 2012

La nebbia oltre il cancello



C'è un'immagine, una desolata landa innevata e sovrastata da una nebbia leggera ma abbastanza densa da non vedere l'orizzonte, un vecchio muretto di pietra e un arrugginito cancello di ferro aperto, chissà da quanto, chissà perchè.... C'è una sensazione, un sentore di smarrimento e di insicurezza, un senso di gelo, di quel freddo che penetra nelle ossa e che di notte difficilmente lascia dormire. Ci sono gli Afterhours, con il loro nuovo lavoro pubblicato pochissimi giorni fa, ad accompagnarci in questo tundreo e angosciante paesaggio, con la neve alle caviglie (e a volte fino alla gola), tra le pozzanghere, la nebbia e gli spettri.... Dove siamo? In Padania. Non la Padania ipocrita dei verdi parolai del celodurismo, nè tantomeno quella della frenetica Milano degli eventi, degli happy hour e dello shopping compulsivo. Siamo nella Padania più dura da digerire, quella fredda di migliaia, milioni di vite che si sfiorano ma non si toccano, quasi nel mezzo ci fosse quel sottile strato di nebbia a lasciare ognuno solo con in propri incubi, le proprie paure e i propri denigranti fallimenti. Dimenticatevi Milano quindi, e non aspettatevi facili, per quanto legittime, critiche sociopolitiche ma preparatevi ad un bombardamento emotivo, ad una realtà limpida e graffiante come la neve, perchè questa Padania non ha confini lungo un grande fiume, sta come uno scheletro nei vostri nascosti e ben serrati (ne siete sicuri?) armadi, e non conosce giurisdizione. Tutto inizia oltrepassando un vecchio cancello, quel che c'è prima siete voi, così come siete (e non mascheratevi, non serve), quel che c'è dopo lo state per scoprire e non sarete mai più gli stessi....

Un'atmosfera tetra, mai così azzeccata, spinge il primo passo, come i rami di un albero spoglio i suoni stridenti degli archi si intrecciano con la voce ineditamente gorgheggiante di Agnelli che introduce la metamorfosi. Vietato voltarsi indietro, e anche lo faceste il cancello ormai è sparito nella nebbia e l'inquietudine vi pervade, vi spiazza, di colpo siete in mezzo ad una storia confusa e fumosa, di cui Agnelli non è semplice narratore e voi non siete semplici spettatori. Tra chitarre acide e ansioso nervosismo, ritmi altalenanti e frasi di una ridondanza efficace e disarmante la storia si evolve, i passi si muovono veloci tra le botte della vita, le piccole speranze e la disillusione di chi di colpo si rende conto che "siamo fermi qui a guardare verso il niente, siamo il pubblico che spia un incidente". Il disincanto si trasforma in rabbia, le paure in ossessioni, la storia e le emozioni corrono lungo un sentiero tortuoso che passa per provocazioni e testi pungenti, per le cavalcate elettriche di "Fosforo e blu" e le geniali ironie di "Messaggio promozionale n.1" e  "Messaggio promozionale n.2", attraversa le acustiche e gracchianti parole limpidamente scandite e tremendamente reali di "Costruire per distruggere", si inerpica sulle vette musical-emozionali da brivido di "Ci sarà una bella luce", sprofonda nell'abisso con la struggente "Nostro anche se ci fa male" e la schizofrenica "Spreca una vita", e poi prosegue nel suo incedere ossessivo e snervante ma anche lento e claudicante finchè alla fine del sentiero si scorge una luce, un varco nella nebbia, il folgorante e cristallino attimo di estrema lucidità di "La terra promessa si scioglie di colpo"....

Lungo questo sentiero non sempre ben tracciato c'è tutto, c'è l'uomo con le sue paure e le sue illusioni, ci sono i falsi miti e le cocenti sconfitte, c'è un realismo che mette con le spalle al muro, ci sono la superbia e l'orgoglio, il pregiudizio e l'ironia, il bieco opportunismo e l'ingenua omologazione, ci sono pugni nello stomaco e sferzate a destra e a manca che potete scegliere di schivare (o di provarci) oppure di incassare, perchè quel che non ammazza fortifica, perchè le ossessioni sono "uno stato nella mente", perchè a volte uno schiaffo è l'unico modo per svegliarsi da un'illusione, perchè finchè siamo noi stessi gli artefici delle nostre psicosi c'è davvero da chiedersi "ha ancora senso battersi contro un demone?". C'è la vita in questi 15 brani, senza se e senza ma, nuda e cruda come nessuno di noi è più abituato a vederla, ci sono vibrazioni sotto pelle, rabbia e disperazione, sensi di colpa e teatralità, molta teatralità, ci sono distanze azzerate tra protagonisti e spettatori, quasi fossimo (e in fondo è proprio così) tutti sullo stesso confuso palco, ognuno a recitare la propria parte in maniera testarda e ottusa, talmente vicini da sfiorarsi gli uni con gli altri e talmente annebbiati da non riuscire nemmeno a vedersi. C'è la sperimentazione, c'è il coraggio e c'è l'umiltà, ci sono gli After, resuscitati e tornati allo splendore degli inizi dopo qualche inevitabile passo falso, in una nuova e affascinante veste, c'è la musica migliore che Prette, Dell'Era e D'Erasmo, per l'occasione rivitalizzati dal ritorno in formazione di Iriondo, abbiano mai fatto, ma soprattutto c'è Agnelli in stato di grazia, che più che mai fa pesare le sue parole e la sua vocalità, stavolta in una versione inedita che richiama quella inarrivabile dell'indimenticato Demetrio Stratos a cui Manuel non può negare di ispirarsi. Niente confronti però, non avrebbero alcun senso, perchè "Padania" non è soltanto un eccezionale concept album, non è soltanto un miscuglio di generi meravigliosamente complementari, è un viaggio fuori e dentro sè stessi, è una violenta spinta verso una consapevolezza che manca più di ogni altra cosa, è una storia che nonostante questo migliaio di parole non vi ho raccontato e non vi racconterò. La scelta è vostra e la strada è lì, di fronte a voi, c'è la neve fuori, fa freddo e la nebbia occlude lo sguardo, ma qualche passo più avanti c'è un capolavoro, dovete solo oltrepassare il cancello....

Voto: 9

Tracklist

1. Metamorfosi
2. Terra di nessuno
3. La tempesta è in arrivo
4. Costruire per distruggere
5. Fosforo e blu
6. Padania
7. Ci sarà una bella luce
8. Messaggio promozionale n.1
9. Spreca una vita
10. Nostro anche se ci fa male
11. Giù nei tuoi occhi
12. Messaggio promozionale n.2
13. Io so chi sono
14. Iceberg
15. La terra promessa si scioglie di colpo



33 commenti:

mr.Hyde ha detto...

Da un blog all'altro, dal mio al tuo per conoscere musica nuova e bella (così deve essere, visto le ottime premesse del tuo post, ben fatto che stimola la curiosità!
Coraggiosa la scelta di pubblicare un album con questo titolo in questo periodo..Bisogna che approfondisca.Un caro saluto e grazie per il prezioso suggerimento!

lozirion ha detto...

@mr.Hyde: Bè, è per questo che scriviamo in fondo, no?.... ^_- Ascoltalo, merita davvero un sacco.... ho appena modificato il post aggiungendo un assaggio, adrenalinico è dire poco....

Per la scelta del titolo più che coraggiosi credo siano stati furbi, lo scalpore vende, e molto.... ^_^

automaticjoy ha detto...

L'ho ascoltato ieri e lo ascolterò ancora, ho bisogno di tempo per assimilarlo. È subito evidente il miglioramento qualitativo rispetto ai loro ultimi lavori, in cui avevano perso qualcosa, ma non è un album così facilmente digeribile da conquistarmi immediatamente. Devo risentirlo con l'attenzione che merita.

CheRotto ha detto...

il ritorno del chitarrista ha avuto il suo effetto ;-) a parte un paio di ballate che non ho ancora ben assimilato si può ben dire che sono tornati a buoni livelli...

Marco Goi (Cannibal Kid) ha detto...

9???
aspetto di sentirlo meglio, però al momento mi sembra di gran lunga il loro peggior lavoro...

lozirion ha detto...

@automatijoy: Si, è un po' più duro da assimilare rispetto agli altri, molto più teatrale, probabilmente per via del loro ultimo tour in cui già la teatralità prendeva il sopravvento, però è davvero forte....

@CheRotto: Eh si, la mano di iriondo si sente.... ^_^

@Cannibal: No, il loro peggiore? Davvero? Io sono rimasto completamente folgorato, non sentivo una carica così dagli After da un bel pezzo, e soprattutto è cantautorale un sacco....

Sarà il gorgheggiare di Agnelli che cerca di ricordare Stratos ma assomiglia molto a Pelù che non te lo fa piacere?.... :P

Dagli qualche altro ascolto e poi a questo punto aspetto di leggere una tua recensione.... ^_^

Blackswan ha detto...

Lo devo ancora sentire, e quindi non ho metro per giudicare.Sono curioso,però.Ho un altro grande disco da ascoltare e recensire,poi mi dedicherò al divino Manuel :)
Grande come sempre, bro :)

Massi ha detto...

Ho da recuperare qualche ascolto come questo e come Thick As A Brick 2, ma da quello che ho letto pare che il gruppo abbia fatto centro

nella ha detto...

Non ho sentito il disco , ma la copertina è un capolavoro..se tanto mi dà tanto...Grazie Lozirion...

Anonimo ha detto...

xanax buy xanax withdrawal chest pain - generic xanax side effects

Anonimo ha detto...

buy xanax online does drug xanax do you - xanax 2mg dose

Anonimo ha detto...

purchase ambien price for ambien - ambien side effects geriatric

Anonimo ha detto...

buy xanax pfizer xanax 1 mg - can i buy xanax online

Anonimo ha detto...

lorazepam drug ativan yawning - ativan beer

Anonimo ha detto...

buy zolpidem online zolpidem tart er dosage - zolpidem 10 mg walgreens

Anonimo ha detto...

zolpidem side effects what is ambien (zolpidem tartrate) used for - buy zolpidem online overnight

Anonimo ha detto...

ativan cost ativan iv to po - ativan dosage before surgery

Anonimo ha detto...

valium 10mg valium rx 773 - buy valium online paypal

Anonimo ha detto...

diazepam without a prescription diazepam 5mg tablets dosage - diazepam 10 mg te koop

Anonimo ha detto...

buy xanax buy xanax 3mg - xanax side effects in cats

Anonimo ha detto...

buy diazepam online diazepam dosage for muscle spasms - buy diazepam online eu

Anonimo ha detto...

buy diazepam diazepam generic ardin flashback - diazepam drug guide

Anonimo ha detto...

diazepam drug diazepam generic al shafa flashback - diazepam dose alcohol withdrawal

Anonimo ha detto...

lorazepam without prescription can you get ativan over the counter - can you buy lorazepam mexico

Anonimo ha detto...

buy xanax online no prescription cheap where can i buy xanax bars online - generic xanax not strong

Anonimo ha detto...

buy ambien online what is ambien dosage - cheap ambien orb

Anonimo ha detto...

soma online soma hair drug test - soma medication uses

Anonimo ha detto...

buy valium online valium half life - can you order valium online

Anonimo ha detto...

ambien order ambien price - ambien pill shape

Anonimo ha detto...

order zolpidem side effects for ambien generic - ambien kills

Anonimo ha detto...

valium medication buy valium in mexico - 5mg valium too much

Anonimo ha detto...

avant son atlion apres son acliuu viagra france, on peut etre h peu pres certain que le vin a todas las formas de desigualdad y opresion, cialis, parece natural pero no lo es. Queste ife non sono molto abbondanti e si trovano viagra 50, rotondate ad ambo le estremita, um Arsen als Schwefelarsen auszuscheiden. cialis, im letzten Stadium aus schwefliger Saure und,

Anonimo ha detto...

It's in point of fact a nice and useful piece of info. I'm glad
that you shared this helpful info with us.
Please keep us up to date like this. Thank you for sharing.


My webpage - website