martedì 8 maggio 2012

Nostalgia da gunner


I Guns N'Roses, per chi il ha amati, non sono stati soltanto un enorme fenomeno di vendita, non sono mai stati una band come le altre, sono stati un'esplosione di adrenalina mai vista, l'apoteosi di una tamarraggine spaventosa e di una rabbia incontrollata verso quella sorta di snobismo artistico che nemmeno il punk nella sua violenta ondata era riuscito a spazzare via. Sono stati lo specchio di una generazione stanca e incazzata, ma anche desiderosa di divertirsi e fare casino, "Generazione di sconvolti che non han più santi nè eroi", come diceva Vasco quando ancora sapeva colpire nel segno. I Guns sono stati tutto quello che la loro generazione avrebbe voluto essere e hanno sempre suonato quello che la loro generazione avrebbe voluto suonare, con tanta elettricità, riff fulminanti, ritmi da tachicardia, una voce come se ne trovano davvero poche e la sfacciataggine senza filtro di chi se ne fotte davvero.

La musica dei Guns, per chi se n'è innamorato e per chi fa parte di quella generazione è diventata in qualche modo l'essenza della visione del rock, una specie di metro comparativo con il resto della musica, con generi, artisti e gruppi nuovi. Non che ciò impedisca di apprezzare il resto della musica nè tantomeno trasformi i Guns nel più grande gruppo di sempre, certo è però che Axl e soci hanno lasciato un segno indelebile nella storia della musica e nei cuori dei fans. Lo stesso segno, o probabilmente uno ancora più marcato, è rimasto sicuramente nel cuore di Steven Adler, storico batterista della band cacciato nel 1990 per abuso di droghe (ed è tutto dire....) e che per questo ha pure intentato cause e fatto un bel po' di casino, ma che nonostante tutto dello stampo da gunner proprio non si riesce a liberare, e dopo parecchi anni e non pochi problemi dovuti agli eccessi di una vita a mille all'ora, nel 2003 forma una nuova band, gli Adler's Appetite, nome chiaramente ispirato a quell'Appetite for destruction che nell'87 si divorò in un sol boccone l'intero mercato discografico e che è in parte anche una sua creatura. Con gli Appetite Steven si lancia in una densissima attività live in cui propone principalmente i pezzi dei Guns, alcuni (pochi) nuovi brani e tante cover. Nel 2005 esce il primo lavoro del gruppo, un EP omonimo di 6 brani tra cui le cover di "Hollywood" dei Thin Lizzy e di "Draw the line" degli Aerosmith. Da allora più niente se non concerti su concerti in giro per il mondo e cambi di formazione repentini e quasi compulsivi, finchè nel 2010 Steven e soci se ne escono con tre singoli, "Alive", "Stardog" e "Fading", che proprio quest'anno sono stati inseriti, insieme alla versione strumentale del primo, in un EP intitolato "Alive" e che anticipa un probabile nuovo lavoro inedito.

C'è tanto dei Guns N'Roses in questo album, c'è tanto di "Appetite For Destruction", nel nome della band quanto nel sound cattivo e graffiante del disco, che fin dalle prime note della title track lancia watt a destra e a manca, con Steven seduto sul seggiolino della sua batteria a pestare un ritmo incalzante e ad accompagnare un'intro di chitarra rock anni '80 fino nel midollo, fulminante e carico di elettricità. Il resto lo fa la voce di Patrick Stone, frontman del gruppo dal 2011 che certo non è Axl Rose, ma nemmeno prova ad esserlo, canta senza strafare con uno stile rabbioso che denota una predilezione per l'hardcore punk e che in ogni caso non guasta affatto. La successiva "Stardog" resta fedele alla linea, batteria a bpm alti, riff decisi e voce a squarciagola, tracce di assoli chitarristici alla Slash qui e là e un alto tasso di adrenalina lungo tutta la durata del pezzo. C'è anche spazio per "Fading", ottima ballata che chiude il cerchio: non ci sono soltanto ritmi veloci e rock spinto nella musica degli Adler's Appetite, e "Fading" ne è la dimostrazione. In chiusura dell'album c'è una versione strumentale della title track, bella anche se forse poco sensata visto che non si scosta minimamente dalla versione cantata, ma tant'è, sono comunque 4 minuti di hard rock eighties bello deciso e non sarò certo io a levare il cd dallo stereo....

Insomma, niente di nuovo per questo EP, ma tanta, tanta, tanta carica e un pizzico di nostalgia, perchè Adler e soci se la cavano, fanno un solido rock anni '80 che piace e che sa tanto, tantissimo di Guns N'Roses, forse un po' troppo e non che ci sia nulla di estremamente male, soltanto la nostalgia si fa sentire, perchè la carica e la voglia di fare rock di Steven è rimasta la stessa nonostante gli anni e una carriera ed una vita non proprio limpide e facili, di questo gli va dato atto e tanto di cappello, ma senza stare sul palco a battere il tempo per Slash, Izzy, Duff e Axl non è la stessa cosa. "Alive" è un buon album, ma Steven lo sa che i Guns, i suoi Guns, quelli che vi verrà voglia di infilare nello stereo alla fine di "Alive", erano tutta un'altra storia....

Voto: 6,5

Tracklist:

1. Alive
2. Stardog
3. Fading
4. Alive (Instrumental version)




23 commenti:

Blackswan ha detto...

Questa canzone ha davvero un bel tiro, nonostante le citazioni siano smaccate. Vado a cercarlo,che ho nostalgia anch'io.
PS : complimenti, Bro, per il restyling :)

Marco Goi (Cannibal Kid) ha detto...

grazie per aver messo il banner del mio libro!
sui guns è meglio che non dico cosa penso, altrimenti lo togli eheheh :D

lozirion ha detto...

@Blackswan: Heila bro! Si, altro che citazioni smaccate, l'intro di "Stardog" è sul filo del plagio proprio.... ^_^
Thanks per il restyling! Te gusta?.... ^_^

@Cannibal: Ma ti pare? E' un piacere! ^_^ E dì pure quel che vuoi sui Guns, tanto so che non puoi capire.... :P

Euterpe ha detto...

Complimenti per l'analisi sul fenomeno Guns, davvero precisa.
Se sabato sei a vinylmania fammi un fischio.

chaillrun ha detto...

amo alla follia i Guns.. questa poi che guido .. mi piace troppo
http://www.youtube.com/watch?v=sCUpLHAgzu4

ciao :))

lozirion ha detto...

@Euterpe: Bè, non faccio parte di quella generazione ma quanto vorrei.... ^_^

Per Novegro non lo so, sto giro mi sa che non riesco, il prossimo però sicuramente! ^_^

@Chaillrun: E non sei l'unica amica mia... ^_-

Anonimo ha detto...

cheap valium online no prescription effects of valium drug - buy valium 10mg uk

Anonimo ha detto...

generic xanax xanax online for cheap - watson 658 generic xanax

Anonimo ha detto...

buy xanax online generic xanax xr cost - buy xanax online reviews

Anonimo ha detto...

buy ativan ativan overdose signs and symptoms - ativan and xanax equivalent

Anonimo ha detto...

valium 10mg valium 20mg pill - valium grapefruit

Anonimo ha detto...

buy diazepam can you buy valium online in australia - buy diazepam 5mg usa

Anonimo ha detto...

buy ativan online ativan .5mg addiction - ativan highest dose

Anonimo ha detto...

buy ambien online ambien overdose vomiting - ambien withdrawal length

Anonimo ha detto...

soma online soma drug test urine - carisoprodol addiction withdrawal

Anonimo ha detto...

soma muscle relaxant carisoprodol looks like - carisoprodol 1400 mg

Anonimo ha detto...

ambien sale buy ambien no prescription overnight delivery - insomnia even with ambien

Anonimo ha detto...

ambien price ambien zolpidem addiction - ambien cr and xanax

Anonimo ha detto...

buy soma online buy cheap soma online no prescription - watch argento soma dubbed online

Anonimo ha detto...

ambien generic ambien 6979 - ambien sleep eating amnesia

Anonimo ha detto...

ambien pills legal order ambien online - how do i purchase ambien online with no prescription

Anonimo ha detto...

cheap ambien ambien side effects ear ringing - ambien side effects amnesia

Anonimo ha detto...

cheap generic valium valium high blood pressure medication - valium dosage guide