mercoledì 28 marzo 2012

Beatles VS Rolling Stones


 Tutta un’altra Storia



La rivalità fra Beatles e Rolling Stones è una leggenda metropolitana, un’invenzione dei media. I due gruppi non solo si stimavano, ma in qualche modo collaboravano affinchè le reciproche uscite discografiche non andassero a sovrapporsi. Bastava un colpo di telefono e il gioco era fatto: questo mese usciamo noi, il prossimo è tutto vostro. E bacio in bocca a sugellare l’accordo. Non solo. E’ lo stesso Keith Richards, nella sua biografia intitolata Life, a raccontare dell’amicizia con John Lennon e di un leggendario viaggio attraverso l’Inghilterra che i due intrapresero adeguatamente sballati da vagonate di sostanze psicotrope. Niente odio, insomma, nè rapporti tesi o reciproche antipatie e scorrettezze assortite.
La rivalità, questa si, realmente esistente, è semmai quella fra i fans dell’una e dell’altra band, che da sempre rivaleggiano per stabilire a chi, tra  Beatles e Rolling Stones, spetti il primato in fatto di caratura artistica, originalità e, mettiamola anche così, di linguaggio del corpo al servizio delle mode. Ma è davvero possibile sostenere il primato degli uni sugli altri ? Ci sono elementi oggettivi, che prescindono quindi dal gusto personale, per sostenere che i Beatles siano stati più seminali degli Stones o viceversa ? Personalmente amo sia gli uni che gli altri, ho le due intere discografie e penso sinceramente che la mia vita su questa terra sarebbe stata meno bella se non avessero convissuto, fra i miei ascolti, tanto per fare un esempio, due dischi quali Revolver ed Exile On Main Street. Beatles e Rolling Stones sono stati e sono le due facce della stessa medaglia. Due facce che si mostrano differenti non certo sulla distinzione fra pop e rock ( superficialmente aprioristica e ingiustificata ) o fra bravi e cattivi ragazzi ( le cronache raccontano che in fatto di sballo e di nefandezze i Beatles non fossero certamente secondi ai più “ sporchi “ Rolling Stones ). Semmai la differenza è da ricercare fra le diverse matrici culturali da cui nascevano le canzoni degli uni e degli altri: il blues e la tradizione nera americana per gli Stones, la rielaborazione in chiave intellettuale e avanguardistica di un suono più marcatamente british per i Fab Four. Ed è curioso notare come la svolta decisiva, per entrambi i gruppi, arrivi a metà degli anni ’60, quando il cammino di entrambe le band prese un passo ben preciso verso direzioni diverse da quelle fino ad allora imboccate. I Beatles svestirono i panni, ormai stretti, di un beat brillante ma sostanzialmente innocuo,  e iniziarono il loro viaggio sperimentale con l’uscita di Rubber Soul; i Rolling Stones, per contro, abbandonarono la struttura a covers dei loro ottimi, ma derivativi, primi album, e esordirono con Aftermath, Lp interamente a firma Jagger & Richards. Ciò che seguirà, non c’è bisogno che sia io a raccontarlo, sarà storia e sarà leggenda, sarà, soprattutto, la nascita di un nuovo rock, che in poco più di due anni porterà alla luce due album simbolo quali Sgt Pepper ( 1967 ) e Beggar’s Banquet ( 1968 ). Beatles o Rollig Stones, dunque ? Personalmente, non vorrei mai essere costretto a scegliere, ma se ci fosse la classica pistola alla tempia a obbligarmi, opterei, non senza dilaceranti dubbi, per il gruppo di Liverpool. Una scelta, la mia, che, seppur difficile, non si basa esclusivamente sul gusto personale, ma su riflessioni che mi paiono essere strutturate anche su qualche dato oggettivo. Ho sempre avuto infatti l’impressione che, absit iniuria verbis, gli Stones abbiano soprattutto inventato un suono, mentre i Beatles abbiano invece creato musica ex novo. Musica che, a ben vedere, prima non esisteva. L’introduzione del loop, ad esempio, che nel rock viveva, diciamo così, solo a livello di intuizione; una maggior consapevolezza nell’utilizzo del crossover e della contaminazione ( ascoltate Norvegian Wood, anno domini 1965 ); e per citarne un’altra, il colpo di genio del suono della chitarra registrato e riprodotto al contrario. Ma ci sono anche le canzoni a determinare questa scelta. C’è Tomorrow Never Knows, un’ipotesi di tre minuti di musica ultraterrena che nessuno è mai più riuscito a comporre (ci si sono avvicinati i Radiohead, credo, ma non ne sono sicuro ); c’è Helter Skelter che supera addirittura i confini del punk e si spinge fin là, alle soglie del metalcore ( ascoltatela per bene e poi ditemi ); c’è il sogno a occhi aperti della psichedelica Strawberry Fields Forever cadenzata da una ritmica tanto attuale da sembrare figlia degli anni ’00. E c’è I’m A Walrus, 4 minuti e 37 secondi che non riesci ad afferrare nemmeno dopo mille ascolti compulsivi. Queste, nella mia prosa raccogliticcia e poco esaustiva, sono le parole che raccontano i Beatles, il più grande consesso di geni confluiti in un’unica rock band ( ho un amore viscerale anche per George Harrison, uno che ha dalla sua uno stile imitato da molti ).Non potrò mai fare a meno di amare tutte e due le band.Ma, obtorto collo e senza nulla a togliere agli immensi Stones, i Fab Four sono proprio tutta un’altra Storia.



Magistralmente ideato e scritto da Blackswan, 28/03/2012

It's only rock'n'roll but I like it



Beatles contro Rolling Stones, l'eterna lotta, il bene contro il male, la ponderatezza contro gli istinti, i bravi ragazzi col caschetto contro i cattivi ragazzi di "Lascereste uscire vostra figlia con un Rolling Stone?", le proteste pacifiche e le derive mistiche contro le provocazioni e il "Sex, drug & Rock'n'roll", "Revolver" contro "Sticky fingers", "Sgt. Pepper" contro "Exile on main street", il diavolo e l'acqua santa e diciamoci la verità, quale dei due scuote di più?....

Il diavolo e l'acqua santa, partiamo proprio da questo duello eterno, duello che in fin dei conti non c'è mai stato veramente, anzi, è più che noto che le due band tutto erano tranne che rivali, tanto che alla cerimonia per la nomina a baronetti dei quattro di Liverpool nella zona riservata agli amici della band erano seduti proprio Jagger e soci, e il testo del primo singolo degli Stones, "I wanna be your man" porta le firme di Lennon e McCartney. Rivali no, nemici tantomeno e allora, al di là dei giochi di marketing che per decenni hanno diviso le fazioni dei fans da una parte o dall'altra e che hanno alimentato e continuano ancora oggi ad alimentare interminabili discussioni, cosa lega i Beatles agli Stones? Io credo che sia la complementarietà la chiave di volta di tutta la faccenda; non sono infatti soltanto le apparenti differenze tra le due band a tenere banco, ma anche e soprattutto quanto queste differenze contribuiscano ad avere un quadro davvero completo e quanto in un certo senso senza i Beatles non ci sarebbero stati gli Stones come li conosciamo e viceversa. Tutti gli aspetti discordanti issati a bandiera dalle schiere di fans da una parte vanno a compensarsi con gli opposti aspetti dall'altra, a partire dalle radici musicali, il rock blues per gli Stones, genere per definizione e storia immutabile nel tempo, e il beat per gli scarafaggi, nato proprio in quel periodo e quindi abbastanza giovane da poter essere ampliato e sperimentato, proprio come Lennon e compagni hanno saputo magistralmente fare; blues e beat, apparentemente nulla a che vedere l'uno con l'altro, eppure insieme, visti dalla debita distanza, rappresentano il vecchio e il nuovo, il classicismo e l'avanguardismo, il solido, potente e sferzante blues di Londra e la piccola Liverpool che prepara la sua esplosione a suon di hit e vagiti che diventeranno sonorità seminali per i decenni a venire; tutto il resto deriva probabilimente proprio da questa differenza iniziale, anche gli atteggiamenti e il modo di interpretare la propria musica e mandare i propri messaggi: i Beatles sono i veri figli della working class, vengono da una città fino a quel periodo abbastanza defilata per quel che riguardava la musica o le mode, e di conseguenza la loro visione del mondo aveva tutta un'altra prospettiva rispetto a chi come gli Stones arrivava dalla City, dalla Londra delle esplosioni modaiole, dei club superaffollati e delle radio locali a profusione.

Da queste diverse basi di partenza iniziano le carriere delle due probabilmente più importanti band della storia del rock e della musica in generale, due band essenziali tra cui scegliere "la migliore" senza riserve è cosa pressochè impossibile, anche perchè le vicendevoli influenze sono più che evidenti, e secondo me non è un mistero il perchè l'ispirazione degli Stones e la loro creatività siano andate scemando dal '72 in avanti, poco dopo la scissione dei Beatles. Le preferenze in questo caso dipendono dai gusti, ovviamente, e per come la vedo io da come ognuno di noi inquadra la musica, da quale dimensione le si da. Io ad esempio preferisco, per attitudine, inquadrare la musica nella dimensione live, quella di un concerto, che sia in uno scantinato buio, in uno stadio o in spiaggia davanti a quasi un milione e mezzo di spettatori (Ogni riferimento al concerto degli Stones a Copacabana è puramente voluto), e dovendo scegliere tra i due, con una pistola puntata alla tempia (e credo sarebbe l'unica possibilità in cui darei una risposta) il mio voto andrebbe agli Stones, per questa e per diverse ragioni di cui la più importante è sicuramente il fatto che il sound degli Stones, derivando dai suoni grezzi e polverosi del blues, è più viscerale e più coinvolgente oltre che più spettacolare, mentre quello dei Beatles essendo sperimentale è molto più elaborato, sicuramente più sofisticato e da affrontare in maniera più attenta e ponderata. Quel che solitamente mi piace sottolineare quando si affronta questo discorso è che l'unica vera differenza abissale tra Beatles e Rolling Stones secondo me sta in una aspetto tanto apparentemente banale quanto in realtà estremamente significativo: i Beatles scrivevano prima i testi e poi la musica, mentre gli Stones facevano l'esatto contrario; ne consegue che la musica dei Beatles è asservita ai testi, mentre per gli Stones sono i testi a seguire la musica. E' questo in fondo l'ago della bilancia, e non significa certo nè che i Beatles non abbiano composto dei veri capolavori di arrangiamento nè tantomeno che gli Stones non abbiano scritto testi splendidi, ma provate a pensare al pezzo che più vi ha conquistato di una e dell'altra band, qual è la cosa che ricordate più facilmente? Io scommetto che nel caso dei Beatles saranno le parole e nel caso degli Stones la musica, e ancor più facilmente il riff iniziale di Keith Richards, e tutto ciò non può essere un caso.... Potrei star qua altre decine di ore a scrivere di quanto Beatles e Stones siano diversi e di quanto sotto sotto si completino a vicenda, ma il concetto in fondo resta uno, io non posso fare a meno dei Beatles, credo che nessuno con una passione anche solo accennata per la musica, per l'arte o per la cultura ne possa fare a meno, e i loro dischi sono un ascolto quasi obbligatorio ogni settimana, ma le vibrazioni viscerali delle 5 corde di Keith Richards, la verve di un animale da palcoscenico come Mick Jagger, i ritmi rock'n'roll e le sferzate elettriche, l'istrionismo di Mick Taylor quando era uno di loro, il sapiente tocco del defilato Ron Wood, l'impassibilità impressionante di Charlie Watts e la potenza e l'energia che solo gli Stones ti sanno rovesciare addosso dal bordo di un palco sono cose che mi scuotono dentro, forse più delle splendide e incisive parole di Lennon e delle spiazzanti melodie di McCartney, che ci posso fare? "It's only rock'n'roll, but I like it!"



Lozirion, 28/03/2012

E voi? Da che parte vi schierereste con una pistola puntata alla tempia? Beatles o Rolling Stones? Tra poco sulla colonna di destra comparirà il sondaggio, vediamo chi la spunterà.... ^_^

ROCK ON!

giovedì 22 marzo 2012

Dalla Cornovaglia col sorriso



E' il 22 di marzo, fuori il sole batte forte e il caldo comincia a farsi sentire, una giornata di quelle in cui tutto si vorrebbe fare tranne starsene in un ufficio di un triste palazzo in un ancora più triste paese della periferia di Milano. E allora cercando di non guardar fuori dalla finestra per evitare l'istintivo gesto di andarsene a fare un giro, 'chè una giornata così andrebbe sfruttata al massimo, succede che si infilino le cuffie nelle orecchie e si riprenda l'infinita lista degli album da ascoltare (lista che ogni giorno si riduce di qualche numero per poi irrimediabilmente tornare ad allungarsi nel giro di poche ore), e capita che tra un disco di black metal abbandonato a metà per questioni di decenza e un altro rimandato ad un ascolto più impegnato di quanto possa succedere in ufficio spunti un nome nuovo, quello di Marco Spiezia, letto di sfuggita meno di un paio di mesi fa e un titolo rimandato a data da destinarsi per uno stupido pregiudizio da prima impressione più che per altri motivi.

Il pregiudizio era dettato dal mix titolo+copertina, perchè vedere un album intitolato "Smile" e con la più classica faccina da sms stampata in copertina ricorda un aborto musicale come "XD", album del 2008 dei Lost, e la risultante reazione iniziale è stato un alquanto stupido "Lasciamo stare, sarà l'ennesima schifezza da teenager" che ha relegato "Smile" nella famigerata lista. Succede però che avendo come indole basilare il voler approfondire prima di criticare si dica "Ma sì, ascoltiamolo!", perchè in fondo "Smile" è un EP e 3 pezzi passano in fretta, così si corre il rischio, tanto come diceva Jovanotti qualche anno fa, "E' un giorno di sole, niente mi può fare male". E' lì, in quel preciso istante, dopo meno di due secondi dall'inizio dell'ascolto che ci si rende conto che il pregiudizio era totalmente infondato e che il nome di Marco Spiezia merita di essere approfondito....

Nato nel 1983 a Sorrento e finito a vivere in Cornovaglia a 15 anni, Marco riceve l'amore per la chitarra e una certa influenza musicale in eredità dal padre, appassionato del grande rock e del cantautorato italiano, ma ben presto impara ad ascoltare ed amare tutta la musica dal pop più leggero al rock più aggressivo e graffiante e ciò non può che influire in maniera positiva sulla sua musica.

"Smile" è il debutto del cantautore sorrentino, un EP composto da tre pezzi registrati insieme alla squadra composta da Michael Hatton alla chitarra, Peter Ibbetson alla batteria e Marcus Penrose al basso e che anticipa la prima sfida ufficiale sulla lunghezza del Long Playing attesa con molta probabilità prima della fine di quest'anno. Tre brani dal ritmo coinvolgente tra i due e i tre minuti e mezzo di durata che mescolano con bravura e grande cognizione di causa generi apparentemente diversi, si va dal jazz al pop, dallo swing al folk, il tutto con un costante senso di allegria e di leggerezza che fa tanto estate e che fa battere il piede a tempo già dal primo istante. La title track, a cui è affidata l'apertura del disco, accosta alla perfezione il ritmo divertente e spensierato con un testo che potremmo riassumere con un "Don't worry, be happy", consiglio difficile da seguire di questi tempi che però certamente male non fa, la successiva "Scaramouche" si riferisce con ogni probabilità a Scaramuccia, personaggio scaltro e superbo della commedia dell'arte, mentre il terzo e ultimo brano, "Apple tree" è una metafora non troppo velata verso il sistema in cui viviamo, dominato dai grandi imperi finanziari e dalle banche, che nella canzone vengono assimilati alla biblica tentazione del frutto proibito, a dimostrazione che l'artista di cose da dire ne ha e che nonostante i ritmi ballabili e l'atmosfera estiva non si tratta soltanto di allegre e banali canzonette.

Tre brani sono certamente pochi per poter dare un giudizio vero e proprio, ma quel che traspare dall'ascolto di "Smile" sono l'allegria e la scanzonatezza che danno significato al titolo dell'album e con cui si possono anche affrontare temi importanti ma che soprattutto divertono e impediscono di stare fermi. Insomma la base di partenza è decisamente buona, quel che succederà su una lunghezza superiore ai tre brani non si sa, ma quel che è certo è che c'è un nuovo nome da tenere d'occhio, nel frattempo la giornata volge al termine e quel che un paio di mesi fa stupidamente non era andato oltre la visione della copertina si è trasformato nella sollevante e coinvolgente colonna sonora di un pomeriggio, succede anche nei più tristi uffici di Milano....

Voto: 7,5

Tracklist

1. Smile
2. Scaramouche
3. Apple Tree







mercoledì 21 marzo 2012

Sit-Rock: The Italian Job - Si Vota!


Ciao a tutti!

Il patriottismo musicale da queste parti è davvero forte, e ne è indice il fatto che per il giochino proposto in questo piccolo blog sono arrivate ben 27 liste di canzoni, numero abnorme rispetto alle altre volte e per questo ci tengo a dire grazie a tutti già da adesso.... Grazie davvero....

Bene, 27 liste dicevamo, 27 liste da 20 canzoni, tutte rigorosamente italiane e per ogni lista di 20 artisti o gruppi diversi, roba da farci un bel po' di cofanetti celebrativi di quanto possa essere buona la musica italiana, altro che le compilation di MediaShopping.... Detto questo il giochino era una sfida e merita che ci sia un vincitore, quindi senza perdere altro tempo direi che è arrivato il momento delle votazioni. Come molti di voi già sanno tra pochissimo sulla colonna di sinistra del blog comparirà un sondaggio per decretare la compilation migliore; stavolta sarà davvero dura scegliere, e per l'occasione inserisco la possibilità di scelta multipla per il voto, giusto per mettere un po' di pepe al gioco.... Visto che questa è una sfida ai voti ovviamente ogni sorta di pubblicità a favore della vostra lista è considerata valida e qualcuno di mia conoscenza so già che ne approfitterà, quindi si rischia la campagna elettorale spietata, e allora fuoco alle polveri!

Eccovi qui sotto le liste in gara, a voi l'ardua sentenza! E che vinca il migliore! ^_^

Lozirion

1. Afterhours - Ci sono molti modi
2. Francesco De Gregori - La leva calcistica della classe '68
3. Le Orme - Cemento armato
4. CapaRezza - Non siete Stato voi
5. Fabrizio De Andrè - Amico fragile
6. Articolo 31 - Noi no
7. Negrita - Cambio
8. Francesco Guccini - Canzone per un'amica
9. Niccolò Fabi - Senza prudenza
10. Giorgio Gaber - Le mani
11. Litfiba - Lacio drom
12. Modena City Ramblers - Qualche splendido giorno
13. Colapesce - Le foglie appese
14. Giorgio Canali - Controvento
15. PFM - Grazie davvero
16. Lucio Dalla - Piazza Grande
17. Marlene Kuntz - Scatti
18. Jovanotti - Gente della notte
19. Marta sui tubi - Cenere
20. The Zen Circus - Andate tutti affanculo

Blackswan

1. Diaframma – Siberia
2. Fabrizio De Andrè – La Domenica Delle Salme
3. Giorgio Canali – Precipito
4. Francesco De Gregori – La Leva calcistica Del ‘68
5. Alice – Come Un Sigillo
6. Ministri – Tempi Bui
7. Afterhours – Pelle
8. Marlene Kuntz – Sonica
9. Le Luci Della Centrale Elettrica – Lacrimogeni
10. Linea 77 – Sempre Meglio
11. Il Teatro Degli Orrori – E Lei Venne
12. Caparezza – Non Siete Stato Voi
13. Frankie Hi NRG MC – Quelli Che Ben Pensano
14. The Niro – Liar
15. 99 Posse – Curre Curre Guagliò
16. Pino Daniele – A Me Me Piace ‘o Blues
17. Paolo Conte – Genova Per Noi
18. Ivano Fossati – La Madonna Nera
19. Daniele Silvestri - Cohiba
20. Modena City Ramblers – In Un Giorno di Pioggia

MrJamesFord

1. Fabrizio De Andrè - Il testamento di Tito
2. Francesco Guccini - Canzone di notte N°2
3. Franco Battiato - I treni di Tozeur
4. Elio e le storie tese - Il vitello dai piedi di balsa
5. Davide Van Des Froos - Il figlio di Guglielmo Tell
6. Rino Gaetano - Al compleanno della zia Rosina
7. Lucio Dalla - Disperato erotico stomp
8. Vinicio Capossela - Il ballo di S. Vito
9. Ivan GrazianiMotocross
10. Francesco De Gregori - Il signor Hood
11. Edoardo Bennato - Venderò
12. Samuele Bersani - Il mostro
13. Frankie Hi NRG MC - Quelli che benpensano
14. Jovanotti - A te
15. 883 - Cumuli
16. Zucchero - Diavolo in me
17. Ligabue - Il cielo è vuoto o il cielo è pieno
18. Negrita - Sex
19. Fiorella Mannoia - Caffè nero bollente
20. Subsonica - Up patriots to arms

JuleZ

1. Fabrizio De Andrè - La Collina
2. Francesco De Gregori - I Matti
3. Francesco Guccini - Vedi Cara
4. Lucio Battisti - Umanamente Uomo
5. Caparezza - Kevin Spacey
6. Articolo 31 - Gigugin
7. Subsonica - Colpo di Pistola
8. Elio e le Storie Tese - Essere Donna Oggi
9. Mina - L'ultimo Gesto di un Clown
10. Luigi Tenco - Prete in Automobile
11. Carmen Consoli - Atlantide
12. Fiorella Mannoia - Caffè Nero Bollente
13. Mia Martini - Minuetto
14. Nada - Amore Disperato
15. Ivan Graziani - Pigro
16. Rino Gaetano - La Zappa
17. Lucio Dalla - La Settima Luna
18. Daniele Silvestri - Amarsi Cantando
19. Samuele Bersani - Non Portarmi Via il Nome
20. Modena City Ramblers - El Dievel

Overthewall91

1. Diaframma - Specchi D'Acqua
2. Le Orme - Sospesi nell'incredibile
3. I Cinque Monelli - Balbettando
4. Chetro & Co - Danze della sera
5. Marlene Kuntz - Nuotando Nell'Aria
6. Chewing Gum - Senti questa chitarra
7. I Corvi- Che strano effetto
8. I Fantom's - Le Insegne Pubblicitarie
9.  Rosemary's Baby - The End
10. Not Moving - I Want You
11. Neon - Lobotomy
12. CCCP - Io sto bene
13. Skiantos - Mi piaccion le sbarbine
14. Area- Gioia e Rivoluzione
15. Ufomammut- Odio
16. Banco del Mutuo Soccorso - 750,000 Anni Fa L'amore
17. Perigeo - Abbiamo Tutti un Blues da Piangere
18. Confusional Quartet - Volare
19. Osanna - L'uomo
20. Uzeda - Hallucinated Games

marco

1. Fabrizio De Andrè - Se ti tagliassero a pezzetti
2. Lucio Dalla - Anna e Marco
3. Afterhours - Strategie
4. Area - Gioia e rivoluzione
5. Modena City Ramblers - Qualche splendido giorno
6. Casa del vento - Al di là degli alberi
7. Francesco Guccini - L' avvelenata
8. Il teatro degli orrori - La canzone di Tom
9. CCCP - Io sto bene
10. Marlene Kuntz - Nuotando nell' aria
11. Giorgio Canali - Bentornato Lazlotòz
12. Gang - Paz
13. Virginiana Miller - La carezza del papa
14. Vinicio Caposella - ovunque proteggi
15. Diaframma - Tre volte lacrime
16. Rino Gaetano - Mio fratello è figlio unico
17. Cristina Donà - Goccia
18. Franco Battiato - Summer on a solitary beach
19. Marco Guazzone - guasto
20. Niki - L'ultimo bicchiere

Lucy

1. Marlene Kuntz - Sonica
2. Luci della Centrale elettrica - Lacrimogeni
3. Afterhous - Dentro Marilyn
4. De Andrè - La guerra di Piero
5. Giorgio Canali - Precipito
6. CCCP - Emilia Paranoica
7. Diaframma - Siberia
8. Litfiba - Peste
9. Paolo Conte - Vieni via con me
10. Ivano Fossati - Carte da decifrare
11. Alice - Messaggio
12. Franco Battiato - E ti vengo a cercare
13. Samuele Bersani - Giudizi Universali
14. Il Teatro degli Orrori - Direzioni diverse
15. Subsonica - Nuova Ossessione
16. Carmen Consoli - Bambina Impertinente
17. Mia Martini - Minuetto
18. Rino Gaetano - Il cielo è sempre più blu
19. Zen Circus - Vuoti a perdere
20. Ivan Graziani - Lugano Addio

Lucien

1. Caterina Caselli - Insieme a te non ci sto più
2. PFM - Impressioni di settembre
3. Lucio Battisti - La luce dell'Est
4. Adriano Celentano - Prisencolinensinainciusol
5. Fabrizio De André - La collina
6. Francesco De Gregori - Atlantide
7. Claudio Lolli - Ho visto anche degli zingari felici
8. Patty Pravo - Pensiero Stupendo
9. Francesco Guccini - L'avvelenata
10. Elio e le storie tese – Pippero
11. Daniele Silvestri – L’uomo col megafono
12. Ustmamò – Memobox
13. Franco Battiato - La cura
14. Frankie Hi NRG – Quelli che ben pensano
15. CSI - Forma e sostanza
16. Quintorigo – Kristo sì
17. Offlaga Disco Pax – Robespierre
18. Verdena - Luna
19. Afterhours – Ballata per la mia piccola iena
20. Africa Unite - Bit crash

pa

1. Moltheni - gli anni del malto
2. Massimo volume - c'è questo stanotte
3. Afterhours - quello che non c'è
4. Casino royale - cose difficili
5. Battiato - un'altra vita
6. Giorgio Gaber - la libertà
7. Fabrizio De Andrè - via del campo
8. Samuele Bersani - giudizi universali
9. Subsonica - nuvole rapide
10. Ornella Vanoni - la voglia la pazzia
11. Vinicio Capossela - una giornata senza pretese
12. Roberto Vecchioni - le lettere d'amore
13. CSI - Io sto bene
14. Francesco De Gregori - generale
15. Baustelle - gli spietati
16. Marlene Kuntz - la canzone che scrivo per te
17. Carmen Consoli - quello che sento
18. Luca Carboni - primavera
19. Le luci della centrale elettrica - quando tornerai dall'estero
20. Ghemon Scienz - mass hysteria

Fed Zeppelin

1. Le Orme - Sospesi nell'incredibile
2. Area - Hommage a Violette Nozieres
3. PFM - Impressioni di Settembre
4. Banco del Mutuo Soccorso - Il ragno
5. Ivan Graziani - Taglia la testa al gallo
6. Modena City Ramblers - Morte di un poeta
7. Ivano fossati - Gli amanti d'Irlanda
8. Folkabbestia - Le vie del Folk
9. Fabrizio De Andrè - La bomba in testa
10. Francesco Guccini - Don Chisciotte
11. I Nomadi - Asia
12. Angelo Branduardi - Le confessioni di un malandrino
13. Fiorella Mannoia - Il cielo d'Irlanda
14. Pierangelo Bertoli - A muso duro
15. Tazenda - Mamojada
16. Francesco De Gregori - Il Bandito e il campione
17. Caterina Caselli - Insieme a te non ci sto più
18. Renato Zero - I migliori anni della nostra vita
19. Maler - Demone del tardi
20. Samuele Bersani - Il mostro

nella

1. Afterhours - Ossigeno
2. Marlene Kuntz - A fior di pelle
3. Timoria - Senza vento
4. PFM - Impressioni di settembre
5. Vasco - Stupido hotel
6. Ligabue - Certe notti
7. Gianna Nannini - America
8. Lorenzo Cherubini - L'ombelico del mondo
9. Bluevertigo - La crisi
10. Nomadi - Dio è morto
11. Giorgio Gaber - Far finta di essere sani
12. Fabrizio De Andrè - La città vecchia
13. Pierangelo Bertoli - A muso duro
14. Vinicio Capossela - L'uomo vivo (inno alla gioia)
15. Francesco De Gregori - Generale
16. Franco Battiato - La cura
17. Marco Ferradini - Teorema
18. Lucio Dalla - Disperato erotico stomp
19. Lucio Battisti - Luci-ah
20. Caparezza - Chi se ne frega della musica

Minerva

1. Franti - Io nella notte
2. Negazione - Brucia di vita
3. Kina - Questi anni
4. BluVomit - Mai capirai
5. CGB - Guardando i(n) frantumi
6. Area - Luglio, agosto, settembre (nero)
7. Stormy Six - Dante Di Nanni
8. The Gang - Dopo la pioggia
9. Rancid x - If you take me on
10. T.A.C. - La Notte di Pan
11. Fabrizio De Andrè - Il testamento di Tito
12. 99 Posse - L'Anguilla
13. Caparezza - Eroe (storia di Luigi delle Bicocche)
14. Frankie Hi Nrg – Quelli Che Ben Pensano
15. Modena City Ramblers – I 100 Passi
16. Negrita - Il libro in una mano, la bomba nell'altra
17. Peggio Punx - Ci stanno uccidendo
18. Lili Refrain - Ictus
19. Franco Battiato - La cura
20. Lalli - Brigata Partigiana Alphaville

Totonno58

1. Lucio Battisti - I giardini di marzo
2. Pino Daniele - Viento 'e terra
3. PFM - Impressioni Di Settembre
4. Banco del mutuo soccorso - RIP
5. Litfiba - Apapaia
6. Fabrizio De Andrè - La canzone dell'amore perduto
7. Ligabue - Piccola stella senza cielo
8. Osanna - L'uomo
9. Enzo Avitabile - Soul express
10. Ivano Fossati -  Mio fratello che guardi il mondo
11. Edoardo Bennato - Un giorno credi
12. Lucio Dalla - Futura
13. Carmen Consoli - Quello che sento
14. Area - L'elefante bianco
15. Gianluca Grignani - Solo cielo
16. Almamegretta - Nun te scurdà
17. Orme - Sguardo verso il cielo
18. Venditti - Maria Maddalena
19. Claudio Lolli - Ho visto anche degli zingari felici
20. Paolo Conte - Sparring Partner

Slowhand78

1. Francesco Guccini - Canzone della bambina portoghese
2. PFM - Impressioni di settembre
3. Fabrizio De Andrè - Amico Fragile
4. Roberto Vecchioni - Stranamore
5. Rino Gaetano - Io scriverò
6. Franco Battiato - Prospettiva Nevskij
7. Francesco de Gregori - Pablo
8. Lucio Dalla - Balla balla ballerino
9. Mina - Se telefonando
10. Antonello Venditti - Compagno di scuola
11. Alice - Per Elisa
12. Lucio Battisti - I giardini di marzo
13. Giorgio Gaber - La libertà
14. Pino Daniele - Napule è
15. CCCP - Amandoti
16. Le Orme - Sguardo verso il cielo
17. Tiromancino - Imparare dal vento
18. Zucchero - Diamante
19. Luigi Tenco - Vedrai vedrai
20. Ligabue - Ho messo via

magneTICo

1. Afterhours - Pelle
2. Marlene Kunz - Lieve
3. Ivan Graziani - Gabriele D'annunzio
4. Skiantos - Sono un ribelle mamma
5. Battiato - Magic Shop
6. Daniele Silvestri - Sogno B
7. Elio e le Storie Tese - Servi della gleba
8. Cristina Donà - Invisibile
9. Lucio Dalla - Siamo Dei
10. Edoardo Bennato - Così non va, Veronica
11. 99 posse - Cerco tiempo
12. Fabrizio De Andrè - Il gorilla
13. Francesco De Gregori - Un guanto
14. Subsonica - Tutti i miei sbagli
15. Almamegretta - Figli di Annibale
16. Tiromancino - La descrizione di un attimo
17. Franceasco Guccini - Dio è morto
18. CCCP - Emilia paranoica
19. Area - Vodka cola
20. Rino Gaetano - Mio fratello è figlio unico

gianf

1. Skiantos - Eptadone
2. Ricki Gianco - E'rock and roll
3. PFM - Impressioni di Settembre
4. The Gang - Sesto San Giovanni
5. No Submission - Degraded men
6. Tampax - Ufo Dictator
7. I Corvi - Ragazzo di strada
8. Gino D'eliso - Belfast
9. Gianfranco Manfredi- Dagli Appennini alle bande
10. Alberto Radius - Carta straccia
11. Faust'o - Il Lungo addio
12. Franco Battiato - La stagione dell'amore
13. Ivan Graziani - Monna lisa
14. Lucio Battisti - Il tempo di morire
15. Andrea Mingardi - Pus
16. Mauro Ermanno Giovanardi - Se perdo anche te
17. Enrico Ruggeri - Polvere
18. Eugenio Finardi- Musica ribelle
19. Fabrizio De Andrè - Rimini
20. Federico fiumani-La mia ragazza dorme la domenica mattina

Euterpe

1. Elio e le storie tese - Il vitello dai piedi di balsa
2. Litfiba - maudit
3. Vasco Rossi - Siamo solo noi
4. Lucio Dalla - anna e marco
5. Francesco De Gregori - Titanic
6. Antonello Venditti - Buona domenica
7. Edoardo Bennato - Campi Flegrei
8. Mia Martini - Minuetto
9. Loredana Bertè - Dedicato
10. Le Orme - Canzone d'amore
11. Enrico Ruggeri - Vivo da re
12. Renato Zero - La favola mia
13. Fabrizio De Andrè - Canto del servo pastore
14. Lucio Battisti - Innocenti evasioni
15. Mina - grande grande grande
16. Ligabue - urlando contro il cielo
17. Roberto vecchioni - ninni
18. Pino Daniele - viento e' terra
19. Francesco Guccini - Bisanzio
20. Franco Battiato - Cuccuruccù paloma

automaticjoy

1. Scisma - Rosemary Plexiglas
2. Paolo Benvegnù - Cerchi nell'acqua
3. Afterhours - Dentro Marilyn
4. Marlene Kuntz - Ineluttabile
5. Verdena - L'infinita gioia di Henry Bahus
6. CCCP - Io sto bene
7. Fabrizio De André - La canzone dell'amore perduto
8. Giardini di Mirò - When you were a postcard
9. Umberto Palazzo e il Santo Niente - È aria
10. Frankie Hi NRG - Quelli che ben pensano
11. Carmen Consoli - Non volermi male
12. Franco Battiato & Milva - Alexander Platz
13. Nada - Amore disperato
14. PFM - Impressioni di settembre
15. Cristina Donà - Invisibile
16. Offlaga Disco Pax - Robespierre
17. Paolo Pietrangeli - Contessa
18. Francesco De Gregori - Generale
19. Francesco Guccini - Dio è morto
20. Modena City Ramblers - Qualche splendido giorno

Laura

1. Area - Gerontocrazia
2. PFM - Impressioni di settembre
3. Afterhours - Non è per sempre
4. Banco del Mutuo Soccorso - 750000 anni fa...l'amore
5. Negrita - In un mare di noia
6. Fabrizio De Andrè - Creuza de ma
7. Franco Battiato - Centro di gravità permanente
8. Luigi Tenco - Ciao amore ciao
9. Il teatro degli orrori - La canzone di Tom
10. Patty Pravo - Pensiero stupendo
11. Offlaga Disco Pax - Tatranky
12. Renato Zero - Triangolo
13. Max Gazzè - Mentre dormi
14. Fiorella Mannoia - Caffè nero bollente
15. Bluvertigo - Fuori dal tempo
16. Francesco De Gregori - Rimmel
17. Samuele Bersani - Giudizi universali
18. Loredana Bertè - Il mare d'inverno
19. Niccolò Fabi - Lasciarsi un giorno a Roma
20. Caterina Caselli - Insieme a te non ci sto più

Massi

1. Area - La Mela di Odessa
2. Modena City Rambles - Danza infernale
3. Elio e Le Storie Tese - Cara Ti Amo
4. Gang - Bandito Senza Tempo
5. Il Teatro Degli Orrori - E Lei Venne
6. Marlene Kuntz - Ape Regina
7. Fabrizio De Andrè - Un Giudice
8. Caparezza - Non Siete Stato Voi
9. Vinicio Capossela - Il Ballo di San Vito
10. Il Pan Del Diavolo - Farà Cadere Lei
11. Litfiba - El Diablo
12. PFM - La Carrozza di Hans
13. Biglietto Per L'Inferno - Confessione
14. Balletto di Bronzo - Un Posto
15. Afterhours - Sui Giovani d'Oggi Ci Scatarro Su
16. Banco Del Mutuo Soccorso - Non Mi Rompete
17. Bud Spencer Blues Explosion - Mi Sento Come Se....
18. Negrita - Sex
19. Alessandro Mannarino - Me So 'Mbricato
20. Daniele Groff - Prendimi

Marco Goi (Cannibal Kid)

1. Nada - Ma che freddo fa
2. Afterhours - Voglio una pelle splendida
3. Mina - Se telefonando
4. Verdena - Viba
5. Domenico Modugno - Meraviglioso
6. Bluvertigo - La crisi
7. Lucio Battisti - Sì, viaggiare
8. Carmen Consoli - Confusa e felice
9. 99 Posse - L’anguilla
10. CSI - Forma e sostanza
11. Moltheni - Finta gioia
12. Baustelle - La guerra è finita
13. Tre Allegri Ragazzi Morti - Occhi bassi
14. Donatella Rettore - Lamette
15. Scisma - Rosemary plexiglas
16. Le luci della centrale elettrica - Cara catastrofe
17. Linea 77 - Fantasma
18. Caparezza - Eroe
19. Fausto Leali - A chi
20. Patty Pravo - Il Paradiso

Ledy

1. Mia Martini - Minuetto
2. Cocciante - Bella senz'anima
3. Dik Dik - Volando
4. Mina - Insieme
5. Battisti - Il mio canto libero
6. M.bazar  - Ti sento
7. Stadio - Acqua e sapone
8. Vasco Rossi -  albachiara
9. Patty Pravo - Pensiero stupendo
10. Loderana Bertè - Dedicato
11. Giorgia - Gocce di memoria
12. Nomadi - Un pugno di sabbia
13. Eugenio Finardi - Extraterrestre
14. Subsonica - Tutti i miei sbagli
15. Ivano Fossati - La mia banda suona il rock
16. Homo Sapiens - Un'estate fa
17. Delirium - Jesahel
18. Litfiba - Regina di cuori
19. PFM - Impressioni di settembre
20. Daniele Silvestri - Salirò

Dreamy Melrose

1. Luigi Tenco - La ballata dell'eroe (dal film la cuccagna)
2. PFM - Impressioni di settembre
3. Samuele Bersani - giudizi universali
4. L'Aura - Today
5. Fabrizio De Andrè - Creuza de ma
6. Vinicio Capossela - Il ballo di San Vito
7. Carmen Consoli - Confusa e felice
8. Francesco Guccini - L' avvelenata
9. Don Backy - l'immensità
10. Bluvertigo - l'assenzio
11. Subsonica - Tutti i miei sbagli
12. Giorgia - Gocce di memoria
13. Donatella Rettore - Cobra
14. Meg - simbiosi
15. Quintorigo - Rospo
16. Battisti - Si, viaggiare
17. CCCP - Io sto bene
18. Nada - Ma che freddo fa
19. Frankie Hi Nrg – Quelli Che Ben Pensano
20. Franco Battiato - La cura

Wings Of Lives

1. Giorgio Gaber - Io non mi sento Italiano
2. Articolo 31 - Italiano Medio
3. Francesco De Gregori - La donna cannone
4. Fabrizio De Andrè - Don Raffaè
5. Lucio Battisti - I giardini di marzo
6. Gianni Morandi - C'era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones
7. Renato Zero - Il carrozzone
8. Lucio Dalla - Piazza Grande
9. Ligabue - Hai un momento, Dio?
10. Mia Martini - Almeno tu nell'universo
11. Nomadi - Ma che film la vita
12. Litfiba - Spirito
13. Negrita - Ho imparato a sognare
14. Domenico Modugno - Nel blu dipinto di blu
15. Fred Buscaglione - Eri piccola così
16. Fiordaliso - Non Voglio Mica La Lun
17. Pooh - Chi fermerà la music
18. Riccardo Cocciante - Se stiamo insieme
19. Marco Masini - Vaffanculo
20. Adriano Celentano - Prisencolinensinainciusol

Fullina

1. Angelo Branduardi - La pulce d'acqua
2. Caparezza - Torna catalessi
3. Fabrizio De Andrè - Volta la carta
4. Franco Battiato - L'era del cinghiale bianco
5. Pino Daniele - A me me piace 'o blues
6. Jovanotti - L'ombellico del mondo
7. PFM - Impressioni di settembre
8. Stadio - Grande figlio di puttana
9. Giorgio Gaber - Destra-sinistra
10. Vasco Rossi - Vita spericolata
11. Eugenio Finardi - La radio
12. Ivano Fossati - La costruzione di un amore
13. Pierangelo Bertoli - Pescatore
14. Daniele Bersani - Lo scrutatore non votante
15. Nomadi - Il re nudo
16. Rino Gaetano - Nun te reggae più
17. Francesco De Gregori - Pablo
18. Litfiba - El diablo
19. Negrita - Il libro in una mano, la bomba nell'altra
20. Alberto Fortis - Qui la luna

Adriana Riccomagno

1. Adamo - La notte
2. Francesco Guccini - Autogrill
3. Negrita - Ho imparato a sognare
4. Tiromancino Ft. Meg & Elisa - Nessuna certezza
5. Nino Buonocore - Scrivimi
6. Tazenda & Pierangelo Bertoli - Spunta la luna dal monte
7. Bluvertigo - La crisi
8. Ivano Fossati - Mio fratello che guardi il mondo
9. Francesco De Gregori - Caterina
10. Franco Battiato - E ti vengo a cercare
11. Roberto Vecchioni - Alamo
12. Fabrizio De Andrè - Se ti tagliassero a pezzetti
13. Daniele Silvestri - Il mio nemico
14. Loredana Bertè - Il mare d'inverno
15. Negramaro - Nuvole e lenzuola
16. Mango - Lei verrà
17. Gerardina Trovato - Non ho più la mia città
18. Neffa - Passione
19. Alex Britti - Milano
20. Max Gazzè Ft. Paola Turci & Marina Rei - Il solito sesso

ξяιѕ_LεтLоvεRυℓε

1. Adriano Celentano - La Cumbia di chi cambia
2. Fabrizio De Andrè - Un Medico
3. Giorgio Gaber - Lo Shampoo
4. Francesco Guccini - Ho Ancora La Forza
5. Ivano Fossati - Il bacio sulla bocca
6. Eugenio Finardi - Oggi Ho Imparato A Volare
7. Bluvertigo - La Crisi
8. Carmen Consoli - Mio Zio
9. Subsonica - Veleno
10. Negrita - Sex
11. Vasco Rossi - La Strega
12. Nina Zilli - Un Bacio D'a(d)Dio
13. Loredana Bertè - Folle Città
14. Mina - Portati Via
15. Linea 77 feat. Tiziano Ferro - Sogni Risplendono
16.Gianna Nannini - Profumo
17. Ligabue - Kay è stata qui
18. Vinicio Capossela - Con Una Rosa
19. Alessandro Mannarino - Il Bar Della Rabbia
20. Max Gazzè - Mentre Dormi


giovedì 15 marzo 2012

Carosello


Ciao a tutti!

Questo post è a scopo unicamente pubblicitario, solo per segnalarvi che al link http://www.whatyoulove.it/2012/03/14/musica-da-viaggio/ potete leggere un post che qualche settimana fa mi è stato chiesto di scrivere, un post che riguardasse il viaggio.

Per come sono fatto non potevo far altro che collegare il tema del viaggio a quello della musica, e ne è venuto fuori un post secondo me carino, seguito dall'ennesima lista, stavolta solo di 5 pezzi.... Che ci volete fare? Questa faccenda delle liste mi fa impazzire.... ^_^

Se vi va fate un salto a leggerlo e ditemi che ne pensate.... Nel frattempo ascoltatevi questi signori!


domenica 11 marzo 2012

Sit-Rock: The italian job - Si parte!


Ciao a tutti!

Bene, come promesso do ufficialmente il via alla nuova sfida delle Sit-Rock, questa volta tutta targata Italia.... Le regole sono semplici, 20 canzoni, non una di più, non una di meno, del genere che preferite e del periodo che preferite, uniche due restrizioni sono che devono essere di gruppi o artisti italiani e che in ogni lista non può esserci più di una canzone per ogni artista o gruppo....

Detto questo eccovi la mia personale lista e aspetto con ansia di leggere le vostre tra i commenti! ^_^


1. Afterhours - Ci sono molti modi
2. Francesco De Gregori - La leva calcistica della classe '68
3. Le Orme - Cemento armato
4. CapaRezza - Non siete Stato voi
5. Fabrizio De Andrè - Amico fragile
6. Articolo 31 - Noi no
7. Negrita - Cambio
8. Francesco Guccini - Canzone per un'amica
9. Niccolò Fabi - Senza prudenza
10. Giorgio Gaber - Le mani
11. Litfiba - Lacio drom
12. Modena City Ramblers - Qualche splendido giorno
13. Colapesce - Le foglie appese
14. Giorgio Canali - Controvento
15. PFM - Grazie davvero
16. Lucio Dalla - Piazza Grande
17. Marlene Kuntz - Scatti
18. Jovanotti - Gente della notte
19. Marta sui tubi - Cenere
20. The Zen Circus - Andate tutti affanculo


ROCK ON!


martedì 6 marzo 2012

Graditi ritorni....


Ciao a tutti!

La tuba più famosa del rock torna a farsi sentire! Slash sarà al Gods Of Metal 2012 in quel della fiera di Rho per ben due esibizioni, la prima il 23 giugno con Myles Kennedy and the Conspirators e la seconda il giorno successivo per dare man forte sul palco a Ozzy & Friends. Inoltre approderà nei negozi di dischi il 22 di maggio con "Apocalyptic love", il nuovo album stavolta completamente realizzato con la gentile collaborazione collaborazione dell'ottimo Myles Kennedy.

Proprio oggi è uscito il singolo di anticipazione dell'album, "You are a lie",  pezzo decisamente duro con venature metal che preannuncia un ritorno più che gradito. Attendiamo di sentire l'album intero, nel frattempo, volume a cannone e fate partire il video!



ROCK ON!

domenica 4 marzo 2012

Sit-Rock: The italian job


Ciao a tutti!

Scusatemi per la vergognosa latitanza di questi giorni, ma ho trovato il tempo soltanto per salutare il buon Lucio Dalla....

Ora però sono pronto a lanciarvi la nuova sfida delle Sit-Rock.... Visto che due settimane fa c'è stato il festival di Sanremo che tutto è stato tranne la celebrazione della grande musica italiana pensiamoci noi, che ne dite?....

Come sempre la sfida prevede 20 canzoni, che stavolta dovranno essere targate Italia, insomma, 20 brani di qualsiasi anno e di qualsiasi genere che vi fanno sentire fieri di essere italiani (cosa che di questi tempi è davvero difficile....). Unica restrizione, vi concedo un solo brano per ogni artista o gruppo, ce la farete?....

Come al solito l'appuntamento è a domenica prossima, quando posterò la mia lista e se vi va di partecipare lasciate le vostre nei commenti....

Detto questo vi saluto con un grande, forse il più grande di tutti....
Non so voi, ma io sono fiero di essere italiano come Faber....




venerdì 2 marzo 2012

Ciao Lucio....


Non vi ammorberò con un trattato su quanto Lucio sia stato importante per la musica italiana, su quanto fosse generoso e tutto il resto, il mio è solo un piccolo ricordo di un artista che mi è rimasto nel cuore....

Ciao Lucio, Piazza Grande ora è un po' più triste, e anch'io....




Santi che pagano il mio pranzo non ce n'è
sulle panchine in piazza grande
ma quando ho fame di mercanti come me
qui non ce n'è
dormo sull'erba ho molti amici intorno a me
gli innamorati in piazza grande
dei loro guai dei loro amori tutto so
sbagliati e no

a modo mio
avrei bisogno di carezze anch'io
a modo mio
avrei bisogno di sognare anch'io

una famiglia vera e propria non ce l'ho
e la mia casa è piazza grande
a chi mi crede prendo amore e amore do
quanto ne ho
con me di donne generose non ce n'è
rubo l'amore in piazza grande
e meno male che briganti come me
qui non ce n'è

a modo mio
avrei bisogno di carezze anch'io
avrei bisogno di pregare Dio
ma la mia vita non la cambiero' mai mai
a modo mio
quel che sono l'ho voluto io

lenzuola bianche per coprirci non ne ho
sotto le stelle in piazza grande
e se la vita non ha sogni io li ho
e te li do
e se non ci sara' piu' gente come me
voglio morire in piazza grande
tra i gatti che non han padrone come me
attorno a me.